Tones on the Stones, "Festival in cava"

Pubblicato il: lunedì 27 maggio 2019

Un'inedita e colossale Aida: il 20 luglio spettacolo immersivo con proiezioni su pareti di roccia alte 30 metri.
La produzione, in prima assoluta, è l'evento clou della XIII edizione di Tones on the Stones, "festival in cava" unico al mondo.

Sostieni MusaLirica.com:
Deutsche Grammophon: The Originals - Legendary Recordings
La Grande Classica (Box16cd)
Vivaldi: Concertos
Luciano Pavarotti - The Complete Opera Recordings
Martha Argerich - The Complete Recordings on Deutsche Grammophon
The David Oistrakh Edition
Maria Callas: The Live Recordings - 2017 Edition
Haydn: The Symphonies
The Karajan Edition - Complete
111 The Piano - Legendary Recordings

Le ambientazioni sono spettacolari, il palcoscenico è inimitabile, le proposte artistiche di assoluto valore:
questi gli ingredienti che fanno di Tones on the Stones un festival unico al mondo con un'importante storia
alle spalle (oltre 60 spettacoli, più di 1000 artisti ospitati e 40.000 spettatori) grazie a produzioni artistiche
pensate e realizzate per spazi industriali – quest'anno la Cava Seula di Baveno e la Cava La Beola di Monte a
Montecrestese (VB – Piemonte) – in costante mutazione per mano dell’uomo.

Anche quest'estate, dunque, per la tredicesima edizione di Tones on the Stones, dal 28 giugno al 28 luglio,
due luoghi speciali si trasformeranno in enormi palcoscenici di pietra sotto le stelle: alla base c'è
l'intuizione di Maddalena Calderoni, soprano al timone della direzione artistica della rassegna, nata nel
2007 come proposta inedita nel ricco panorama internazionale dei festival estivi. Su questi palcoscenici
naturali per 355 giorni all'anno regnano sovrani la durezza della pietra e la fatica del cavatore, che da
decenni estrae materiali naturali celebri in tutto il mondo. Per i rimanenti 10 giorni, la cava si trasforma in
qualcosa di unico, in grado di regalare spettacoli indimenticabili.

L'appuntamento più atteso del festival 2019 è in programma sabato 20 luglio: alla Cava La Beola di Monte,
a Montecrestese, in Val d'Ossola (VB) andrà in scena la più colossale produzione mai presentata da Tones
on the Stones, realizzata in collaborazione con il Teatro Coccia di Novara. Un'Aida in prima assoluta con
proiezioni e videomapping a 270° su tre grandi pareti di roccia alte fino a 30 metri, uno spettacolo
totalmente immersivo, con oltre 150 artisti coinvolti su uno splendido palcoscenico di pietra.

«Già in passato Tones on the Stones aveva prodotto opere liriche con allestimenti video (ricordiamo Tosca,
Cavalleria rusticana, Turandot) – commenta Maddalena Calderoni – ma da quest'anno daremo l'avvio a una
nuova progettualità legata a videoscenografie di carattere immersivo. Le tecnologie digitali saranno al
servizio di produzioni operistiche spettacolari e innovative, che daranno un’identità forte ad un progetto
teso a sperimentare nuovi approcci creativi per l’opera lirica. Tones on the Stones vuole essere un luogo per
fare ricerca, formazione e per ospitare artisti che possano interpretare questi luoghi unici attraverso
produzioni site-specific. La maestosità delle nostre sedi – conclude la direttrice artistica – si coniuga
perfettamente con l’opera lirica: negli anni potremo ambientare diversi titoli in luoghi unici e così
spettacolari come le nostre cave. Siamo lieti che il nuovo Direttore Artistico della Fondazione Teatro Coccia e
Corinne Baroni, abbia scelto di far parte di questo progetto sperimentale e di essere partner di questa
produzione».

Giuseppe Verdi fu un instancabile ricercatore e proprio in Aida introdusse numerose
sperimentazioni armoniche e di orchestrazione. L’opera è una monumentale scenografia musicale capace di
entrare nelle più intime pieghe dell’anima dei personaggi principali. Il progetto video immersivo di Aesop
Studio e la regia di Renato Bonajuto evidenzieranno proprio queste due dimensioni dell’opera
verdiana, l’imponenza e l’intimismo che convivono perfettamente nello snodarsi dei quattro atti.
Qui di seguito trovate i dettagli e il cast dello spettacolo.

Aida di Giuseppe Verdi
20 luglio 2019 – ore 21:00
Cava La Beola di Monte – Montecrestese (VB)
Regia di Renato Bonajuto
Direttore Aldo Salvagno
Progetto video immersivo a cura di Aesop Studio
***
Orchestra Filarmonica del Piemonte
Coro Schola Cantorum S. Gregorio Magno
Balletto a cura di Giuliano De Luca
***
Aida: Marta Mari
Radames: Samuele Simoncini
Amneris: Maddalena Calderoni
Ramfis: Fulvio Fonzi
Amonasro: Daniel Ihn Kyu Lee
Re d’Egitto: Luca Gallo
Un messaggero: Riccardo Benlodi
Sacerdotessa: Leonora Tess
***
Costumi di Artemio Cabassi
Scenografo di Palcoscenico Danilo Coppola
Una produzione di Tones on the Stones in collaborazione con il Teatro Coccia di Novara

I prezzi vanno dai 29 euro per il ridotto della “platea basic” ai 61 euro della “platea vip”. Prevendita con
prezzi scontati (da € 26 a € 51) per acquisti entro il 31 maggio Possibilità di usufruire del trasporto in
pulmann da Verbania e da Stresa, acquistabile contestualmente al biglietto d'ingresso.
Info e prezzi dettagliati su www.tonesonthestones.com.

Gli altri imperdibili appuntamenti di Tones on the Stones 2019 spaziano dall'inaugurazione con Alessandro
Haber e il suo Haberowski, in programma alla Cava Seula di Baveno venerdì 28 giugno, a "No Gravity Show
– Quando Leonardo arrivò sulla luna", che il 23 luglio celebrerà il 50° anniversario dello sbarco sulla luna e
i 500 anni dalla scomparsa di Leonardo da Vinci, fino alla musica elettronica, ai suoni moderni e ai colori di
Nextones, con una tre giorni (dal 26 al 28 luglio) di importanti produzioni artistiche e grandi show
immersivi.

Il programma completo, la prevendita ufficiale dei biglietti e i pacchetti speciali di soggiorno+esperienze+biglietti sono online sul sito ufficiale www.tonesonthestones.com.
FB www.facebook.com/tonesonthestones
IG www.instagram.com/tonesonthestones

▲ TORNA SU