Concerto d'apertura della 7ª edizione del Festival "Vicenza in Lirica"

Pubblicato il: mercoledì 24 aprile 2019

Un cast di altissimo livello per il concerto di apertura del festival “Vicenza in Lirica” in programma dal 31 agosto al 15 settembre. Protagonisti Rossini, Galuppi, Orlandini e Donizetti

Sostieni MusaLirica.com:
Mozart: The Complete Piano Concertos
The Karajan Edition - Complete
Luciano Pavarotti - The Complete Opera Recordings
The Leonard Bernstein Collection 1
Rachmaninov: The Complete Works
Maria Callas: The Live Recordings - 2017 Edition
Martha Argerich - The Complete Recordings on Deutsche Grammophon
Vivaldi: Concertos
La Grande Classica (Box16cd)
Deutsche Grammophon: The Originals - Legendary Recordings

Annunciato il cast della “Petite Messe Solennelle” di Gioachino Rossini che inaugurerà il 7° Festival “Vicenza in Lirica”: solisti Frittoli, Mingardo, Costanzo e Giangregorio con la Schola San Rocco
Il Maestro Michele Campanella concertatore e direttore al pianoforte

Il soprano Barbara FrittoliSarà un cast di altissimo livello ad aprire al Teatro Olimpico, sabato 31 agosto alle 21, la settima edizione del Festival “Vicenza in Lirica”, con l’esecuzione della celebre “Petite Messe Solennelle” di Gioachino Rossini. L’evento inaugurale della grande manifestazione musicale, che si concluderà il 15 settembre, vedrà infatti esibirsi sul palcoscenico del gioiello palladiano il soprano Barbara Frittoli, il contralto Sara Mingardo, il tenore Vincenzo Costanzo e il basso Davide Giangregorio insieme alla Schola San Rocco diretta dal Maestro Francesco Erle; la preziosa composizione rossiniana sarà diretta e concertata dal Maestro Michele Campanella al primo pianoforte, con Monica Leone al secondo pianoforte e Silvio Celeghin all’harmonium.

Ancora una volta la direzione artistica punta ai grandi nomi della lirica che, sensibili al festival, ne portano sempre più in alto il prestigio a livello Internazionale, lasciando così il segno negli annali delle esecuzioni musicali al Teatro Olimpico.

Si preannuncia quindi un grande inizio per un festival che si concentrerà, come sempre, sull’alta qualità nel versante musicale, con una particolare attenzione riservata ai giovani talenti, ai quali la manifestazione dedica sia occasioni formative di ottimo livello, sia la rara possibilità di debuttare su un palcoscenico unico al mondo, per storia e prestigio, quale quello dell’Olimpico di Vicenza.

 «La Petite Messe Solennelle – sottolinea il direttore artistico Andrea Castello – è un omaggio che abbiamo voluto rendere a Rossini dopo le tante celebrazioni del 2018, quando ne ricorrevano i 150 anni dalla morte: un modo per ricordare come un autentico genio della musica vada celebrato sempre, al di là degli anniversari».

Il contralto Sara Mingardo (credit: Luigi De Frenza)Si tratta di una pagina musicale incantevole, che verrà ulteriormente esaltata, grazie a Vicenza in Lirica, dall’arrivo all’Olimpico di stelle di prima grandezza come il soprano Barbara Frittoli e il contralto Sara Mingardo: voci tra le più acclamate della scena lirica per la raffinata tecnica e le straordinarie doti interpretative. Altrettanto grande l’attesa per la presenza del Maestro Michele Campanella, direttore d’orchestra e pianista celebrato in tutto il mondo, tra i maggiori virtuosi della scena internazionale, che per il festival guiderà quella “Petite Messe Solennelle” della quale lo stesso Rossini scrisse: «Buon Dio, eccola terminata questa umile piccola Messa. È musica benedetta quella che ho appena fatto, o è solo della benedetta musica? Ero nato per l’opera buffa, lo sai bene! Poca scienza, un poco di cuore, tutto qua. Sii dunque benedetto e concedimi il Paradiso».

Quanto al resto del programma, i titoli di tre degli appuntamenti clou sono stati annunciati - La Diavolessa di Galuppi, L’elisir d’amore di Donizetti e Bacocco e Serpilla di Orlandini - ma per il resto occorrerà attendere la presentazione ufficiale fissata per la seconda metà di maggio: «Posso solo dire - dichiara il direttore artistico - che abbiamo sempre il barocco nel cuore, convinti che Vicenza sia una città-teatro ideale per questo tipo di repertorio, e così continuerà ad essere. Ci hanno dato ragione le esecuzioni dell’“Orfeo ed Euridice” di Gluck nel 2015 e “L’Orfeo” di Monteverdi nel 2017, tornato all’Olimpico grazie al nostro festival  dopo le recita della Scala nel 1960, oltre al “Polidoro” di Lotti in prima esecuzione assoluta nella scorsa edizione. Ma avremo anche grandi ospiti, masterclass, recital, concerti, workshop e conferenze, per un programma davvero scintillante come l’oro, filo conduttore di questa edizione».

I biglietti sono già in vendita on-line nel circuito Vivaticket e prossimamente alla biglietteria di Concetto Armonico.

Per informazioni e prenotazioni:
Concetto Armonico
349 6209712
info@concettoarmonico.it.
Altre informazioni si possono trovare nel sito www.vicenzainlirica.it

Commenti

▲ TORNA SU