Rigoletto

Rigoletto
Prima rappresentazione: 11 marzo 1851
Teatro La Fenice, Venezia
Compositore: Giuseppe Verdi
Librettista: Francesco Maria Piave

Rigoletto è un melodramma in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, tratto dal dramma "Le Roi s'amuse" ("Il re si diverte") dello scrittore francese Victor Hugo.

Rigoletto
Rigoletto
22/07/19 - 22/07/19
Il Rigoletto allo Skyline San Gimignano Festival! Acquista ora il tuo biglietto!
Rigoletto - Numeri Primi Pisa Festival
Rigoletto - Numeri Primi Pisa Festival
05/07/19 - 05/07/19
Scopri i dettagli e acquista il tuo biglietto!
Opera Rigoletto
Opera Rigoletto
02/09/19 - 20/09/19
Acquista i tuoi biglietti su TicketOne.it, biglietteria ufficiale del Teatro alla Scala!

Ruoli

  • Il Duca di Mantova, (Tenore)
  • Rigoletto, buffone di Corte (Baritono)
  • Gilda, figlia di Rigoletto (Soprano)
  • Sparafucile, sicario (Basso)
  • Maddalena, sorella di Sparafucile (Contralto)
  • Giovanna, custode di Gilda (Mezzosoprano)
  • Il Conte di Monterone, (Baritono)
  • Marullo, cavaliere (Baritono)
  • Matteo Borsa, cortigiano (Tenore)
  • Il conte di Ceprano, (Basso)
  • La contessa, sposa del conte di Ceprano (Mezzosoprano)
  • Usciere di corte, (Basso)
  • Paggio della Duchessa, (Soprano)
  • Cavalieri, Dame, Paggi, Alabardieri, (Coro)
Sostieni MusaLirica.com:
Claudio Abbado - The Complete Rca and Sony Album Collection
Morricone 60 Years Of Music
Martha Argerich - The Complete Recordings on Deutsche Grammophon
Deutsche Grammophon: The Originals - Legendary Recordings
Luciano Pavarotti - The Complete Opera Recordings
The Leonard Bernstein Collection 1
Rachmaninov: The Complete Works
La Grande Classica (Box16cd)
Haydn: The Symphonies
Maria Callas: The Live Recordings - 2017 Edition

Trama

In breve...

Durante una festa a Palazzo, il Duca di Mantova confida a Borsa di voler corteggiare una giovane ragazza (Gilda), non sapendo però trattarsi della figlia del deforme Rigoletto (il buffone di Corte). Fa irruzione il Conte di Monterone maledicendo il Duca per aver disonorato sua figlie, e Rigoletto per essersi beffato del suo dolore di padre.
Finita la festa, il Duca va a casa della giovane Gilda sotto mentite spoglie. I due si giurano amore eterno.
Intanto Marullo, Borsa, il Conte di Ceprano e un gruppo di cortigiani partono per rapire Gilda (che credono essere l'amante di Rigoletto), per vendicarsi del buffone. Con l'inganno fanno partecipare al rapimento anche lo stesso ignaro Rigoletto.
Il Duca vede quindi la giovane Gilda condotta a palazzo e ne approfitta per attentare alla sua virtù. Rigoletto giura vendetta verso il Duca per aver disonorato sua figlia.

Rigoletto assolda quindi Sparafucile - un sicario - per uccidere il Duca. Maddalena (sorella di Sparafucile) dovrà attirare il Duca in una locanda fuori Mantova, poi Sparafucile lo ucciderà. Maddalena però si innamora del giovane e propone al fratello di uccidere il primo straniero che bussi alla porta della locanda e ingannare così Rigoletto.
Gilda - avendo ascoltato tutto e provando ancora un profondo sentimento per il Duca - si sacrifica, bussando alla porta della locanda.
Rigoletto, preso il sacco in cui Sparafucile ha messo il corpo, si reca al fiume per gettarlo; solo allora si rende conto che il corpo non è del Duca bensì della sua amata figlia. 

ATTO I

Nella sala del Palazzo Ducale di Mantova è in corso una festa. Cavalieri, Dame e Paggi si accompagnano a musica e scrosci di risa.
Il Duca di Mantova svela al fido Borsa il suo intento: insidiare una giovane ragazza che da tre giorni vede uscire dal Tempio e che ha già seguito fino a casa. Il Duca però ancora non sa che trattasi di Gilda, la figlia di Rigoletto (il deforme buffone di Corte).
Borsa cerca di dissuaderlo, facendogli notare tutte le belle dame presenti alla festa. Il Duca torna quindi a corteggiare la Contessa di Ceprano, donna su cui ha già puntato gli occhi.
Il Duca e la Contessa si allontanano insieme, provocando le ire del Conte che li segue. Rigoletto - assistendo alla scena - sbeffeggia il Conte.

Marullo intanto, racconta ad un gruppo di astanti, la nuova notizia: ha visto il gobbo e deforme Rigoletto insieme ad una donna, probabilmente sua amante.

Il Duca parla con Rigoletto dei problemi che sta avendo ad avvicinare la Contessa di Ceprano senza che il Conte li infastidisca. Rigoletto propone allora al Duca di esiliarlo o decapitarlo. Il Duca rimprovera il buffone di prendere troppo alla leggera le parole e di estremizzare lo scherzo. I due non sanno però che il Conte di Ceprano ha ascoltato questa loro conversazione.

Irrompe nella sala l'anziano Conte di Monterone; vuole vendicare l'onore di sua figlia, sedotta anch'ella dal Duca di Mantova.
Rigoletto segue la scena deridendo l'anziano uomo. Il Conte allora rivolge una maledizione verso il Duca di Mantova e verso Rigoletto, rimproverandolo di deridere il dolore di un padre. Due alabardieri portano via il Conte di Monterone, mentre Rigoletto rimane profondamente turbato da quelle parole.

Mentre ritorna a casa ripensando alla serata, Rigoletto viene avvicinato da Sparafucile. Il sicario gli offre i suoi servigi, offrendogli l'uccisione dei suoi nemici in cambio di denaro. Gli racconta di come utilizzi sua sorella Maddalena per attirare gli uomi in cerca di avventure, e poi li uccida. Rigoletto però lo allontana e torna a casa.
Entrato in casa viene accolto dalla figlia Gilda. Rigoletto ha paura che possa succederle qualcosa (il suo ruolo di buffone di Corte lo espone a farsi molti nemici). La giovane lo rassicura dicendogli che da quando si è trasferita lì (tre giorni prima) è uscita di casa solo per andare al Tempio. Gilda non conosce ancora il nome del padre, nè tantomeno è a conoscenza del suo ruolo a Corte.
Rigoletto raccomanda a Giovanna - la custode della giovane ragazza - di vegliare su di lei e proteggerla.

Rigoletto esce a controllare se qualcuno l'abbia seguito; furtivamente il Duca di Mantova entra in casa inosservato e scopre che Gilda è in realtà la figlia di Rigoletto.
Porge una borsa a Giovanna per farla tacere comprandone il silenzio. Raggiunge Gilda la quale, vedendolo, riconosce in lui il bel giovane che ha attirato la sua attenzione al Tempio. I due si giurano subito amore. Quando la ragazza chiede quale sia il suo nome, il Duca risponde di essere un povero studente di nome Gualtier Maldè.
Udendo dei rumori all'esterno, il Duca si allontana, credendo che Rigoletto stia rientrando in casa.

Intanto Marullo, Borsa, il Conte di Ceprano e altri cortigiani armati si stanno recando verso casa di Rigoletto per rapire quella che loro credono l'amante del buffone di Corte e così vendicarsi di lui. Lungo il tragitto incrociano proprio Rigoletto; al buio fitto egli non riconosce il gruppo di persone, solo Marullo si fa avanti. Gli dice che sono diretti a casa della Conte di Ceprano, per rapire la Contessa e portarla al Duca. Rigoletto - rassicurato - decide di unirsi a loro. Il gruppo di cospiratori lo obbliga a indossare una maschera e una benda che lo rendono incapace di vedere e udire.
Giunti sotto casa, piazzano una scala per salire sul terrazzo ed entrare nella casa; Rigoletto rimane fuori a tenere la scala per gli assalitori.
Il gruppo entra e rapisce la giovane Gilda, lasciando cadere in strada lo scialle della giovane. Dopo un po' di tempo, non vedendo tornare gli assalitori, Rigoletto si toglie maschera e benda; riconosce allora la sua casa e vede in terra lo scialle della figlia.
Preso dalla disperazione, ripensa alla maledizione lanciata dal Conte di Monterone.

ATTO II

L'indomani mattina, il Duca di Mantova scopre che la sua amata Gilda è stata rapita: giura vendetta verso i rapitori. Poi però Marullo, il Conte di Ceprano, Borsa e gli altri entrano nel salotto del Palazzo Ducale, raccontando al Duca di aver rapito e condotto a Palazzo "l'amante" di Rigoletto.
Il Duca trasale, capendo subito trattarsi della sua amata Gilda. Si allontana dunque per incontrare la sua amata.
Rigoletto entra a Palazzo, fingendo indifferenza, cercando di scoprire dove i rapitori hanno nascosto sua figlia. Capendo che è in compagnia del Duca, si getta verso la porta della camera, ma i cortigiani si frappongono per bloccarlo.
Alla fine Gilda esce dalla camera e abbraccia il padre: gli confessa di aver perso l'onore e essersi innamorata di quello che credeva essere un povero studente.
Rigoletto giura dunque vendetta verso il Duca.

ATTO III

Una locanda diroccata, appena fuori dalla città di Mantova. Rigoletto e Gilda sono lì fuori in attesa; all'interno solo Sparafucile.
Gilda confessa al padre di amare il Duca di Mantova. Rigoletto le spiega che non è l'uomo che lei crede, che corteggia molte donne e poi le abbandona.
All'interno della locanda intanto entra il Duca di Mantova vestito da semplice Ufficiale di Cavalleria, chiedendo una stanza e del vino.
Sparafucile dà un segnale e sua sorella Maddalena entra nella locanda. Il Duca si lancia nel corteggiamento della giovane donna.
All'esterno Rigoletto e Gilda assistono alla scena. La giovane innamorata rimane scioccata dall'udire quelle stesse parole - una volta indirizzate a lei - rivolte a un'altra donna. Rigoletto le intima di partire in sella a un cavallo e andare a Verona; lui l'avrebbe raggiunta il giorno successivo.
Sparafucile esce dalla locanda per parlare con Rigoletto: riceve da lui una parte del denaro per portare a compimento l'uccisione del Duca. Rigoletto si allontana, impartendo al sicario un ultimo ordine: vuole essere lui stesso a gettare nel fiume il corpo senza vita del Duca.
Intanto la giovane Maddalena sta cedendo al fascino del Duca, tanto da provare un sentimento per lui. Sparafucile rientra nella locanda e fa accomodare il Duca in una stanza per la notte.

Gilda - non potendo sopportare di abbandonare il suo amato - torna verso la locanda, travestita da mendicante.
All'interno sente Sparafucile e Maddalena che parlano dell'imminente uccisione del Duca. Maddalena si è invaghita del giovane e vorrebbe salvarlo, proponendo al fratello di uccidere invece Rigoletto e rubargli il resto del denaro. Viste le rimostranze del fratello, Maddalena propone una soluzione alternativa: se qualcuno fosse entrato nella locanda prima di mezzanotte, l'avrebbero ucciso al posto del Duca e intascato il resto dei soldi da Rigoletto.
Sentendo queste parole, Gilda capisce che anche Maddalena è innamorata del giovane Duca. Decide allora di immolare la sua vita per risparmiare quella del suo amato: bussa alla porta della locanda e va incontro alla sua fine.

Rigoletto fa ritorno alla locanda: consegna il denaro a Sparafucile e riceve un sacco con dentro quello che pensa essere il corpo del Duca.
Parte verso il vicino fiume per gettarvi il cadavere. Arrivato alla sponda del fiume, ode però una voce in lonatananza: quella del Duca.
Rigoletto apre allora il sacco per vedere cosa contiene: vi scopre la figlia ormai moribonda. Gilda chiede al padre di perdonare questo suo gesto d'amore e di perdonare il suo amato Duca. Con queste parole la giovane si spegne.

Rigoletto urla il suo dolore contro la maledizione del Conte di Monterone e si accascia sul corpo senza vita della figlia.

Video

Direttore d'Orchestra: Riccardo Chailly
Orchestra: Vienna Philharmonic Orchestra

Borsa: Remi Corazza
Ceprano: Roland Bracht
Contessa di Ceprano: Kathleen Kuhlmann
Duca di Mantova: Luciano Pavarotti
Gilda: Edita Gruberova
Giovanna: Fedora Barbieri
Maddalena: Victoria Vergara
Marullo: Bernd Weikl
Monterone: Ingvar Wixell
Rigoletto: Ingvar Wixell
Sparafucile: Ferruccio Furlanetto
Direttore d'Orchestra - Riccardo Muti
Orchestra - Teatro alla Scala

Rigoletto - Renato Bruson
Gilda - Andrea Rost
Duca di Mantova - Roberto Alagna
Sparafucile - Dimitri Kavrakos
Maddalena - Mariana Pentcheva
Giovanna - Antonella Trevisan
Monterone - Giorgio Giuseppini
Marullo - Silvestro Sammaritano
Borsa - Ernesto Gavazzi
Conte di Ceprano - Antonio de Gobbi
Contessa di Ceprano - Nicoletta Zanini
▲ TORNA SU