Dido and Aeneas

Dido and Aeneas
Prima rappresentazione: 11 aprile del 1689 (data incerta)
Collegio di Josias Priest, Chelsea (Londra)
Compositore: Henry Purcell
Librettista: Nahum Tate

Didone ed Enea (Dido and Aeneas) è un’opera in tre atti di Henry Purcell, su libretto di Nahum Tate. L’Opera si ispira alle avventure di Enea (protagonista dell’Eneide di Virgilio) a Cartagine, Ospite della regina Didone.

Sostieni MusaLirica.com:
The David Oistrakh Edition
Martha Argerich - The Complete Recordings on Deutsche Grammophon
The Leonard Bernstein Collection 1
111 The Piano - Legendary Recordings
Deutsche Grammophon: The Originals - Legendary Recordings
The Karajan Edition - Complete
Claudio Abbado - The Complete Rca and Sony Album Collection
Haydn: The Symphonies

Ruoli

  • Didone, regina di Cartagine (Soprano)
  • Belinda, sorella e confidente di Didone (Soprano)
  • Seconda donna, (Soprano)
  • La maga, (Mezzosoprano)
  • Due streghe, (Mezzosoprano)
  • Uno spirito, (Contralto)
  • Enea, principe troiano (Baritenore)
  • Un marinaio, (Baritenore)
  • Cortigiani, streghe, marinai, cupìdi, (Coro)

Trama

In breve...

Enea si ferma a Cartagine, dopo essere fuggito dalle rovine di Troia, diretto in Italia per fondare una nuova città. Lo accoglie la regina Didone, la quale cede al suo fascino, consigliata anche dalla sorella Belinda.
Intanto una maga e le sue sorelle streghe, odiando profondamente Didone, le scagliano contro un temporale mentre è intenta in una battuta di caccia insieme al suo amato. La regina si affretta al riparo, mentre un folletto mandata dalle streghe e travestito da Mercurio, annuncia a Enea che Giove stesso vuole che lui riparta immediatamente.
Didone accusa Enea di volersi fare scudo della volontà degli dei per abbandonarla; Enea si propone di rimanere comunque, ma lei lo caccia. Una volta partito il principe troiano, Didone si abbandona alla morte.

ATTO I

Calla corte del palazzo cartaginese, Belinda nota che sua sorella Didone è turbata; ella prova infatti le pene d’amore per Enea, guerriero fuggito dalle rovine di Troia.
Belinda vede la possibilità di stringere un alleanza tra troiani e cartaginesi, portando grande fasto a entrambi i popoli; intuendo i sentimenti della sorella, la spinge verso le braccia di Enea.
Didone è restia, ma quando il principe troiano entra a palazzo, non resiste alle sue lusinghe.

ATTO II

In una grotta, una maga convoca le sue sorelle streghe. Esse odiano la regina di Cartagine e desiderano sopra ogni cosa che perda il potere e l’amore.
Sanno che Didone ed Enea sono andati a caccia. Progettano dunque di far scatenare un temporale per obbligarli a tornare al palazzo; successivamente, un loro folletto travestito da Mercurio, andrà da Enea per avvisarlo che il volere di Giove è che lui parta immediatamente alla volta dell’Italia e porti a termine il suo destino. Le streghe si ritirano per completare il loro incantesimo.

Intanto, nel bosco, il seguito di Didone intrattiene Enea, mentre questi racconta delle sue avventure.
Arriva un temporale e tutti corrono al riparo verso il palazzo. Il folletto, travestito da Mercurio, compare a Enea e gli intima di ascoltarlo: è volontà di Giove che lui parta immediatamente per continuare il suo viaggio e fondare una nuova città di Troia.
Enea si trova in una posizione difficile: ha appena conquistato il cuore di Didone, ma è costretto ad abbandonarla per volere degli dei.

ATTO III

I marinai preparano le navi per salpare; la maga e le streghe li osservano soddisfatte, ripromettendosi di funestare il viaggio di Enea con una violenta tempesta.

Intanto a palazzo, Didone – non vedendo tornare Enea – rimprovera Belinda per averla mal consigliata. Giunge infine Enea, che gli comunica la notizia ricevuta dall’emissario di Giove.
La regina Didone lo accusa di essere un ipocrita e di voler nascondere quel suo gesto vile dietro il volere degli dei. Gli intima quindi di andarsene verso il suo regno promesso e di abbandonarla a sé stessa.
Enea allora decide di andare contro il volere di Giove e rimanere con la sua amata.
Didone gli ordina di andarsene, in quanto per lei è stata una grave offesa anche il solo suo pensiero di abbandonarla.
Appena Enea parte, Didone si abbandona alla morte tra le braccia di Belinda.

Video

DIDO AND AENEAS
Didone: Maria Ewing, soprano
Enea: Karl Daymond, baritone
Belinda: Rebecca Evans, soprano
Maga: Sally Burgess, mezzosoprano
Seconda donna: Patricia Rozario, soprano
Prima Strega: Mary Plazas, soprano
Seconda Strega: Pamela Helen Stephen, mezzosoprano
Voce di Mercurio: James Bowman, countrotenore
Collegium Musicum 90
Diretto da Richard Hickox
DIDO AND AENEAS - 2012
Belinda: Evelyn Barash
Didone: Olivia Cosio
Seconda donna: Nicole Koh
Enea: Colin Ketchan
Maga: Makenzie Boyle
Prima Strega: Rachel Spund
Seconda Strega: Jessica Makhlin
Spirito: Meche Oppelt-Perez
Marinaio: Jens Ibsen

Commenti

▲ TORNA SU